L’invito a cena nella Yurta


I paesaggi sono in grado di levarti il fiato, e finalmente ho qualcuno a cui percuotere la spalla dicendo “ma vedi quello che vedo io?! Interrompiamo spesso l’avvicinamento alla meta per percorrere strade sterrate che lasciano l’asfalto e scomparire dietro la prima collina… Scopriamo paesaggi fantastici che sappiamo pochi hanno avuto la fortuna di vistare e questo ci rende ancora più vogliosi di non perdere neanche un riflesso o raggio di sole che illumina tra ombre e luci il dolce alternarsi di colline, montagne e pianure di steppa.

Prima di arrivare il lago troviamo un punto di blocco dove dobbiamo pagare per proseguire nel parco e dopo il controllo passaporti e annotazione di rito del nostro passaggio su quadernoni che neanche alle elementari , è ora di fare la buona azione quotidiana….decido di far salire un’autostoppista autoctono che aspetta appena dietro la sbarra del parco. Le comunicazioni proseguono in un misto di kazaco, italiano, inglese, francese e russo… ma alla fine arriviamo a capire che per loro è la via naturale per spostarsi il chiedere passaggi! in effetti mi era già chiaro, tutti lungo le strade vivono costantemente facendo gesti a chiunque passi, polizia compresa.

Arriviamo al lago ma la guardia non vuole farci scendere in macchina, pensiamo di dormire nel parcheggio e scendere la mattina seguente, ma scatta un gioco di sguardi con il nostro passeggero e dopo aver confuso tutto il confondibile capiamo che ci invita a dormire vicino alla sua Yurta. Proseguiamo su una stradina di fango tra cavalli, capre e umani. Il paese si desta ad osservare lo straniero (paese di 4 tende e non so bene quante famiglie) e anche qui scatta il momento selfie e sguardi persi nel vuoto. Ma è mentre Paolo monta la sua tenda che arriva la proposta indecente…il capo famiglia ci invita a cena nella Yurta! Non ho neanche provato a fingere un rifiuto, ero felicissimo ma combattuto dalla voce nella testa che mi diceva “non prendere caramelle dagli sconosciuti!”… Forse proprio per questo ho deciso che questi non erano sconosciuti, ma brave persone che vivono con regole e usi diversi dai miei.

Qui scatta la situazione comico/grottesca dell’entrata nella tenda tra mille occhi confusi nell’ombra che mi scrutano, tra sorrisi e gesti cordiali che mi invitano a sedermi sui tipici tappeti che coprono il pavimento, ovviamente al posto d’onore, mentre dall’unica porta comincia il febbrile viavai delle donne che si preoccupano di offrire una tavola colma di tutto quello che hanno. Gli uomini si preoccupano invece di offrirci bicchierini di vodka per insaldare la posizione di ospitalità, alcuni però noto bere birra al posto della vodka, altri invece sono felici di accompagnarci al baratro. Il piatto principale è pecora e capra con patate e carote, servite su piatti in centro tavola dove fa sfoggio per prima cosa il cranio delle bestie sacrificate al banchetto…ci serviamo con le mani, questo è un gesto di riguardo perché la forchetta potrebbe essere stata usata da altri e mal lavata, mentre le mani sono le tue e sai cosa ci hai fatto…..ma è proprio questo il problema… Devo dire tutto molto buono e gustoso, sarà per effetto della vodka, sarà per la situazione, sarà perchè la fioca luce che filtra dall’apertura alla sommità della tenda rende tutto più magico e surreale.

Dovete sapere che Paolo “è” vegetariano, creando un po’ di stupore in me mentre lo vedo cedere dinnanzi le insistenti richieste dei commensali… addentando un pezzo alla volta e una coscia e una costina… lui stesso si stupisce ma già comincia a pensare al suo stomaco non più abituato a tali cibi! ormai una carota o una patata non ti salveranno! mezzo capretto è andato e già prevede fuoco e fiamme dietro al sipario di moralità e processi chimici che come in un girone dantesco prende vita nel suo stomaco. E’ ora di ritirarci e ci avviciniamo alla tende, ma appena le luci delle nostre torce illuminano fievoli l’erba che ci conduce ad esse un folto numero di strane figure comincia ad avvicinarsi…prima un ragazzo su bicicletta elettrica (sei sopra una montagna, tra cavalli, capre, mucche e pecore, 4 tende tipiche quasi senza elettricità se non quella di piccoli generatori, che nemmeno un venditore ambulante oggi vorrebbe, che vengono spenti dopo pochi minuti e non ti aspetti una bicicletta elettrica!!) che dopo pochi convenevoli ci invita a bere sul lago! In un attimo lui capisce che non abbiamo da bere, e nello stesso attimo noi capiamo che sarebbe sparito nel tempo di…sparito! Poi è l’ora di due bambini che in piena notte, muniti di canna da pesca si accingono a lanciare le esce, ma prima vogliono salutare questi loschi figuri che scombinano la tranquillità della comunità. Due parole, qualche sorriso e se ne vanno con una torcia led nuova fiammante che mi avanzava…quanto paga un sorriso non finirà mai di sorprendermi! Ora viene l’ora dei ragazzotti di paese che arrivano lanciati con una macchina della quale non saprei descrivere neanche il colore e che dopo averci illuminati con i fari scendono e sembrano essere infastiditi dalla nostra presenza, magari ho frainteso ma il gesto del taglio della gola mi sembra di averlo intravisto…mah…facciamo finta, peraltro senza troppi problemi, di non capire e dopo un attimo se ne vanno…bene, possiamo dormire tranquilli con lo spray al peperoncino sotto il cuscino…. Ehhhhh no! non finisce qui, a ridare lustro alla stima per queste, e tutte le persone chi arriva? i due bambini che stavano tornando dalla pesca…tornavano per restituire la torcia!!! A questo punto non capisci più nulla, c’è chi ti invita a tavola nella loro tenda, chi ha imparato a convivere con i forestieri, chi ancora sente queste intromissioni come un problema….ma alla fine chi ti insegna a vivere sono due bambini con la canna da pesca!

Chiusura dissacrante…come conseguenza a questa giornata e nottata, Paolo ha avuto una relazione intima che lui descrisse come abbastanza burrascosa, con tutti i gabinetti incontrati dal lago al ritorno in ostello…ma ricorda con emozione specialmente l’ultimo ormai in città, dove è entrato in un ristorante di corsa senza dire nulla a nessuno e ne è uscito alla stessa maniera….

Roberto

Come sempre continuate a seguirmi su come “roadsontheway” su Instagram, Facebook, YouTube e ovviamente su www.roadsontheway.com

4 risposte a “L’invito a cena nella Yurta”

  1. Bel racconto. Comimenti per l’articolo. I paesaggi che ci sono nelle foto sono immensi e bellissimi. Chi sa dal vivo cosa esprimono. Ciao Roberto. Al prossimo articolo…

  2. Sen sempre con ti’ vecio mio e te seguin con passion e simpatia… e tanta invidia. Che a strada te sia sempre amiga 😊😊😊

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.