…un mese…

Dopo un mese dalla mia partenza per il giro del mondo….

Ho toccato 12 paesi

attraversato 14 frontiere di cui 13 aderenti alla Convenzione di Schengen

percorso 8872 km

usato 4 diverse valute (Euro, Złoty polacco, Grivnia ucraina, Corona norvegese e Corona svedese)

pagato il gasolio da un minimo di 1.03 €/L in Ucraina a 1.79 €/L Norvegia

Capo Nord , North kapp, North cap

Ma molto più importante ho conosciuto davvero molte persone, alcune hanno voluto conoscermi, alcune hanno dovuto conoscermi, ma di tutte porterò un ricordo indelebile, turisti, curiosi o semplici abitanti dei posti dove il Camietto ha fermato le sue ruote.

Fiordi Norvegesi

Ho attraversato le autostrade sempre in manutenzione e i parchi eolici dell’Austria, le distese di campi coltivati della Slovacchia e Polonia, le buche che hanno messo a dura prova il Camietto lungo tutte le strade Ucraine, percorso gli sterrati che attraversano la Finlandia dalla regione dei laghi fino alla Lapponia, goduto del tramonto Lituano sul mar Baltico e aspettato il tramonto in vano a Capo Nord…ho vissuto emozioni forti visitando il sito di Chernobyl, ma non da meno sono stati alcuni angoli nascosti in paesini di cui  pare, neanche gli abitanti sappiano il nome.

Laghi Lituani

Ho imparato a vivere in spazi molto diversi da quelli a me abituali, ma in breve tempo ho ritrovato il calore e le sensazioni che ti fanno sentire a casa, che ti fanno capire che quella scatola tanto amata mi farà da casa per molto tempo.

Fiordi Norvegesi

Ma esprimere certe sensazioni è cosa davvero dura, con la certezza che video, immagini e parole mai basteranno a fermare e raccontare a pieno tutto quello che vivo…ma con la presunzione di provarci…vi saluto da un fiordo nell’arcipelago delle isole Lofoten, con negli occhi un ennesimo tramonto che non vedrà la fine….


Continuate a seguirmi ogni giorno anche su Instagram, Facebook, YouTube. Cercate roadsontheway !

Come seguirmi ogni minuto!

Per nuovi e vecchi iscritti ecco il link alla pagina dove potrete vedere il tragitto già percorso e ovviamente la mia posizione!!!!

https://eur-share.inreach.garmin.com/roadsontheway

La password da inserire ora è : row


CONTINUATE A SEGUIRMI SUI CANALI SOCIAL

ovviamente su Instagram roadsontheway (per chi fosse già mio follower come Roberto Maschietto consiglio ,se desiderate seguire anche il mio viaggio, di seguirmi anche su roadsontheway sempre su Instagram)

sul sito www.roadsontheway.com

sulle pagine Facebook roadsontheway

sul mio canale YouTube roadsontheway dove potrete trovare i video completi!

..una storia strana…

…oggi voglio raccontarvi una storia strana…una di quelle a cui non pensi, non ci dai importanza e non te ne rendi conto finchè ti raccontano “la storia” che sta alle spalle… Dopo qualche giorno dalla partenza di RoW notai attaccato al porta chiavi del Camietto un ciondolo di cui non ricordavo la provenienza, il momento in cui lo avevo agganciato, ne sinceramente se l’avessi fatto…ma non è importante… non ci feci caso e lo lasciai li.


Dopo ancora qualche giorno, la Laura mi manda una foto su Wa della conchiglia di cappasanta del Cammino di Santiago detta anche pettine di San Giacomo con la domanda “Lo riconosci?”

Pensavo mi chiedesse se riconoscevo il simbolo, e non mi passò minimamente per la testa di collegarlo con il ciondolo di cui non ricordavo le origini….ma…lei si riferiva proprio al ciondolo…e quando si è palesata più esplicita anche le mie ridotte capacità di connessione hanno finalmente associato e ho capito da dove arrivava…. Ma non finisce qui…perché questa è la parte che conosco io… e qui, sempre via messaggio, lei mi chiede “Ti racconto la Storia?” Ma che domande, ho pensato, ovvio!!!!

Cito messaggio per messaggio per non perdere la freddezza e la forza del messaggio letto su di uno scermo da 5″ che arriva a singhiozzo lasciandoti appeso come il pesce all’amo.

L.”Premetto che la prima volta che sono stata a Santiago sono rimasta molto affascinata” L. “Ho comprato questo ciondolo per regalarlo a qualcuno” L. “Mi sono entrati i ladri in casa e hanno rubato tutto quel poco che potevano” L.”Pensavo anche quel ciondolo” L.”Sabato vigilia della tua partenza è ricomparso” R.”Penotti” L.”Allora ho pensato lui vuole proteggere Roby” L.”Parto e lo dimetico a casa” L.”Martedì me lo ritrovo in tasca del giubbotto” L.”E mentre tu stavi per partire Martedì…ho pensato. Adesso come faccio a darglielo?” R.”che storia! Ma sai che non ci ho fatto caso ma lo guardavo spesso e non mi spiegavo da dove arrivasse” L. “Beh, nel tuo momento di crisi l’ho messo nel tuo mazzo di chiavi…ed è così che viaggerà con te..”

Grazie Laura per questo pensiero, per la storia nascosta che non conoscevo, per un simbolo che ho ritrovato anche ieri visitando la collina delle Croci in Lituania….

… 26 Aprile 2019… 33 anni dal disastro di Chernobyl

…prima tappa di Roads on the Way, Ucraina, Chernobyl…visita alla centrale nucleare Lenin di Chernobyl, alla zona detta di alienazione e alla città fantasma di Pripyat…

33 anni sono passati proprio oggi, 26 Aprile 2019…oggi ho smesso di associare il disastro di Chernobyl alle sole parole di mia mamma “non bere il latte” di quei giorni…

Provo a raccontare in video cosa ho visto…Chernobyl deve rimanere per me a memoria ma anche a raccontare di una terra che vuole rinascere e riprendere a vivere con forza…cosa che dietro il silenzio dei posti di controllo sta già avvenendo…

Buona Pasqua!!!

A una settimana dalla partenza eccomi per gli Auguri di Pasqua! Ma anche per cominciare un diario che spero possa farvi vivere il giro del Mondo!

Giorno Zero 14 Aprile 2019 ore 16.00 sono partito tra gli amici, di sempre e nuovi, il calore di chi ha voluto partecipare e essere parte di questo progetto, gli sguardi increduli di chi ancora non ci credeva… Emozioni forti che ancora mi riempiono la testa e non mi lasceranno mai. La realtà di questa via che ho intrapreso scorre sotto le ruote del Camietto…ora comincia Roads on the Way!

non per consuetudine, ma per sincero desiderio, comincio ringraziando tutti… aver vicino tanti amici che mi hanno regalato un abbraccio tanto grande è stato il modo migliore di cominciare questa avventura.

Tra questi il Ministro Gian Marco Centinaio che ha voluto vedere il Camietto e informarsi sul progetto Roads on the way, augurandomi di portare in giro per il mondo le mie origini e di apprendere il più possibile da questa esperienza.

Foto di rito con il Ministro Gian Marco Centinaio

…l’amministrazione della mia città, Mogliano Veneto, che ha dato la possibilità ad un gruppo di “molesti” amici fuoristradisti di invadere pacificamente le vie e di riunirsi nella piazza principale assieme a moltissimi curiosi, concittadini e comunque amici per passare i momenti della partenza in goliardica compagnia.

Mogliano c’è! Con il sindaco Carola Arena e l’assessore Ferdinando Minello pronti per il via!

Ma la lista non avrebbe fine, realtà che hanno voluto sostenere RoW già dalla fase embrionale del progetto (che avrò modo di farvi conoscere) , chi si è preso cura di ristorarvi nell’attesa della partenza, chi ha avuto il desiderio di esserci, chi non ha potuto, i miei famigliari che ancora si chiedono “dove ho sbagliato”….

….ma non finisce qui…seguitemi per conoscere quante persone, anche solo con un sorriso, sono nascoste dietro questa esperienza che sto vivendo!!!


Ad oggi mi trovo sul confine tra Polonia e Ucraina, in procinto di presentarmi alla dogana appunto per entrare nella seconda in direzione Kiev e poi Chernobyl. Ancora qualche momento per sistemare alcuni documenti e preparare il Camietto a sottoporsi ad un probabile controllo da parte degli agenti.

Buona Strada!

Il Ministro Centinaio da il via al giro del Mondo in solitaria su Land Rover

Mogliano Veneto 14 Aprile 2019

 Parte da Mogliano Veneto il giro del mondo in Land Rover. A dare lo start di partenza a nome dell’ Italia è stato il ministro del turismo e dell’agricoltura Gian Marco Centinaio, che si è recato a Mogliano. Presso Relais Toti, ovvero la Villa che ha dato i natali al celebre soprano Toti Dal Monte, Centinaio ha voluto stringere la mano a Roberto Maschietto ed dargli un “in bocca al lupo”. Il Ministro ha visionato con curiosità e stupore il Land realizzato ed allestito da Roberto ed ha così voluto dichiarare :

” Un’avventura che  parte vicino a Venezia proprio dove partiva la via della seta, ma che ha percorsi ed  orizzonti ben più vasti. Anche questo un esempio di italianità, che mescola il nostro spirito avventuriero con la nostra capacità artigianale. È da notare che   tutto il Land è stato sistemato da Roberto con le sue mani ed il suo ingegno, proprio come gli artigiani italiani costruiscono i prodotti su misura con le loro mani, rendendo unica ogni realizzazione. In tutti noi c’è un po’ di Made in ITALY, dobbiamo essere orgogliosi di ciò ed essere in grado di mostrarlo e valorizzarlo. Roberto l’ha fatto ed ora parte per un lungo viaggio. Gli stringo orgogliosamente la mano a nome dell’Italia e voglio che percepisca la nostra vicinanza.
A tutti gli amici che lo seguiranno nei social dico di sentirsi sempre fieri di ciò che siamo in grado di fare e produrre noi italiani” 
Il ministro chiude con una battuta : “ Roberto non sentirti mai in soggezione d’altronde quando ero in riunione con il ministro del turismo cinese lui mi ha semplicemente detto:  Ministro Gian Marco Centinaio sai che la Cina E l’Italia sono due superpotenze: due superpotenze del turismo!!! Roberto sii orgoglioso di questo e porta in giro le nostre bandiere con l’orgoglio di essere una super potenza non solo del turismo ma anche culturale.”

Un’amico con il mare come strada…

…una bellissima sorpresa, questa mattina un caro amico è venuto a trovarmi dopo molti anni… Mattia Righetti. Per me rimarrà sempre lo skipper di Adriatica, vela che avrete visto in “Velisti per caso“, a bordo della quale ho avuto il piacere di conoscerlo.

Persona fantastica che potremmo ritrovare in Roads on the Way, tra la polvere di qualche strada, tra le onde di qualche rotta….


Appassionato da sempre e innamorato del mare (senza nulla togliere alla stupenda compagna Carlotta) oggi continua a navigare come Comandante e persegue in sogno della vela con il progetto Aqua Maris e Zaurack .

Spezzino doc, appassionato di apnea e pesca sub, va per mare fin da quando era bambino. Dopo un decennio passato nella Nazionale di  canottaggio decide che lavorare in mare sarà la sua strada.


Comincia facendo il marinaio su una barca da sub, passa quindi su una vela d’epoca, arriva su Adriatica come secondo, ma prende presto i titoli necessari per diventarne Comandante.

Insieme a Carlotta fonda l’Aqua Maris ASD, cercando di trasmettere il più possibile ad adulti e bambini questa passione comune per il mare!

14 Aprile 2019 La partenza!!!

Bene, questa volta sembra che sia tutto deciso!!!! Partenza e festa il

14 Aprile 2019

A disposizione dei campeggiatori e per trovarci con i nostri fuoristrada e non, un prato a 350 mt dalla piazza!!! Con macellaio a 50 mt!!!!! il tutto a disposizione per chi volesse dal Venerdì!!!!!

Domenica mattina dopo le 11 chiusura della piazza di Mogliano Veneto per aperitivo lungo offerto dai locali e attività che sostengono Roads on the Way fino ad arrivare al pomeriggio (circa le 16.00),

momento in cui accenderò il Camietto e partirò accompagnato da chiunque voglia accodarsi per qualche chilometro o più!

Prima tappa a Klagenfurt per incontrarsi con un gruppo di amici fuoristradisti Austriaci!!!!